SCOPERTA PER CASO

Oggi vi parlerò dell'ultimo libro che ho letto. Mi è capitato tra le mani per caso acquistando il settimanale Donna Moderna https://...

un viaggio virtuale life and death

Risultato immagine per forks washington

Oggi sono tornata da un viaggio virtuale, ho viaggiato nel nord degli Stati Uniti, nella cittadina di Forks, tra le aule della sua scuola, e ho corso nelle verdi foreste.
Risultato immagine per forks washingtonRisultato immagine per forks washington
Non mi sono fatta mancare una passeggiata sulla spiaggia di La Pusch .

Risultato immagine per la push beach

Ho vissuto le emozioni dell'amore e i brividi della paura.
Effettivamente questo viaggio lo avevo già intrapreso nei quattro volumi della saga Twilight, ed era stato veramente un viaggio emozionante.
Risultato immagine per libri twilight   meyer stephenie - life and death twilight

Mi sono avvicinata a Life and death con un po' di scetticismo, pensavo fosse una semplice strategia di marketing per vendere un altro po' di copie e di vivere di rendita sul successo di Twilight, ma , dopo un inizio abbastanza uguale all'originale, la storia ha cominciato ad avere una vita propria e mi ha portato nel mondo della nuova famiglia Cullen .

SOLITUDINE


Fredda coperta
avvolgi il mondo
fantasmi
fluttuano nell'aria
passi incerti
lungo i sentieri
sguardo spaurito
vaga nell'aere
spirito sgomento
perduto nel nulla
                                               Liana Salvarani
Schegge sparse
su velluto rosso
acqua che intride
e se ne va
lasciando steli recisi
come anime perse
ad annaspare
tra punte taglienti.
                                                       Liana Salvarani

CASTELLO DELLA RANCIA




Quando percorri la superstrada da Civitanova Marche  verso Foligno, all'altezza di Tolentino turismo.comune.tolentino.mc.it, in provincia di Macerata , sulla sinistra appare imponente il castello della Rancia.Intolentino › writable › it › castello-della-rancia.aspx
Tante volte siamo passati davanti a questa fortezza, sia di giorno, ammirandone l'architettura, sia di notte, facendoci trasportare dall'immaginazione aiutati dall'atmosfera che vi aleggia intorno grazie alle luci che lo illuminano.
Vi si accede percorrendo un ponte e attraversato un arco ci si trova in un grande cortile verso il quale si affacciano portici e camminamenti.

All'interno non ci sono gli arredi originali, anche perché essendo una fortezza militare le stanze non avevano arredi di pregio.
Ora i vari spazi sono occupati da una mostra di reperti archeologici,
da una raccolta di miniature rievocanti la battaglia di Tolentino del 1815 cronologia.leonardo.it › battaglie › batta68.htm e della quale ai primi di maggio si svolge la rievocazione storica.






                                                                                                                             
L'allestimento che mi è piaciuto di più, o meglio che mi ha emozionato e ha risvegliato il mio lato istrionico, è stato quello dell'esposizione delle scenografie e dei costumi della Compagnia teatrale della Rancia.compagniadellarancia.it
Per fortuna il terremoto del 2016 non ha provocato troppi danni e il castello ha potuto riaprire i battenti , quindi non resta che recarvisi e scoprire una delle tante pagine di storia e arte della nostra bella Italia!
 
GITA SUL PO




08/05/2016, ore 06.15 si parte in compagnia di amici per Ferrara, la  città degli Estensi cittadarte.emilia-romagna.it › ferrara
Ci attendeva una gita sul Grande Fiume a bordo della Nena(www.lanena.it) un battello con una 
storia sui canali di Venezia e poi passata a una navigazione più tranquilla sulle acque del Po.
Giunti a Ferrara ci siamo recati alla Darsena, dove ci attendeva il comandante per l'imbarco, per fortuna nostra quel giorno non c'erano molti turisti, così anche il viaggio è stato più confortevole e rilassante.




 Avevo sempre sentito parlare del Po come il fiume più lungo e grande d'Italia, ma essere al centro del suo letto, sulle sue acque, la sensazione è stata veramente particolare!
Lentamente navigavamo verso Stellata, la nostra destinazione e vedevamo scorrere le rive con la vegetazione che si alternava a spiaggette bianche, ove pescatori fissavano le esche in attesa che abboccasse qualche pesce, mentre dei bagnanti erano stesi a prendere il sole.





 Qua e là, giacevano tronchi caduti, sradicati e trascinati dalle piene.
Cespugli fioriti occhieggiavano sugli argini e campanili svettavano da dietro la vegetazione




Lungo il percorso abbiamo attraversato una chiusa, che permette di passare dal Po di Primaro al letto  del Po vero e proprio.
Sapevo come funzionavano le chiuse, ne avevo sentito e visto in televisione, ma vedere dal vivo tutta la procedura di flusso e reflusso delle acque è stato veramente interessante.




 Giunti a destinazione abbiamo attraccato a un molo presso un bar sulla riva del fiume e dopo un tragitto che ci aveva portati ad attraversare un ponte siamo giunti a Stellata ferraraterraeacqua.it › it › Bondeno


A Stellata abbiamo fatto un giro, c'era un mercatino dell'antiquariato con diverse tipologie di articoli. E' stato piacevole passeggiare tra le bancarelle e il paese è carino, ma non siamo andati a vedere la rocca,  perché ci siamo persi tra le mercanzie e il tempo è volato e il capitano ci aspettava per il ritorno.
Vorrà dire che avremo una buona scusa per ripetere l'esperienza!
La gita è stata veramente piacevole e rilassante.






































FOGLIA


Rinsecchita
Accartocciata
Impolverata
Calpestata
Sul grigio asfalto
              Senza futuro
                                                                                        Liana Salvarani